Image du Blog patty64.centerblog.net

Image du Blog patty64.centerblog.net

Image du Blog patty64.centerblog.net

Image du Blog patty64.centerblog.net

Image du Blog patty64.centerblog.net

Image du Blog patty64.centerblog.net



Image du Blog patty64.centerblog.net

Image du Blog patty64.centerblog.net

Image du Blog patty64.centerblog.net

Image du Blog patty64.centerblog.net

Image du Blog patty64.centerblog.net

Image du Blog patty64.centerblog.net

Image du Blog patty64.centerblog.net

Image du Blog patty64.centerblog.net

Image du Blog patty64.centerblog.net

Image du Blog patty64.centerblog.net

Image du Blog patty64.centerblog.net

Spine d'Arancio

DI

GAETANO CUFFARI

 

 

 

L’esiziale piacere di leggere poesia, il gioco di un fuoco baluginante nel camino e un buon vino, lasciato a decantare e protendere i fumi aspergentisi nell’allotropia del sogno, ché sognare è follia dei sensi tutti, ché ridestarsi in passione è ciò che per pria abbisogna questa collaudata e collosa umanità. Ecco ciò che riporta alla mente “Spine d’arancio” – di Gaetano Cuffari; una raccolta di versi, quasi pensieri, volti a stati meditativi, in processioni di fughe lente, sfilati uno ad uno in questa composizione minimalista, sobria e micrometrica, a comporre un’ikebana di parole mai farraginose, unite a molli e forti stati dell’essere, eppure statuiti in un eclettico dire. Una silloge che è l’altalenarsi in rime sparse e baciate, ma senza dedizione alcuna alla metrica, dei “quasi” haiku e tanka che si fanno brevi stigme di diamante, abluzioni d’anima che ci sanno ancora far sognare.

Image du Blog patty64.centerblog.net